Menhir e Specchie

Anche le specchie, accumuli di pietre, sono monumenti megalitici di straordinaria rilevanza e che affondano le loro origini nei millenni.

Menhir

Scheda di dettaglio

E proprio al confine del feudo di Taurisano sorge la “Specchia Silva”, una delle più importanti e la più grande fra quelle conosciute ed osservate da studiosi e da cultori appassionati. Circa l’origine e la destinazione delle specchie, continuano a circolare varie e numerose ipotesi, che, di volta in volta, a seconda degli elementi esaminati (struttura, posizione geografica, ubicazione nel contesto del territorio, ecc.) hanno enfatizzato alcuni aspetti ed azzardato discutibili conclusioni. Nella credenza popolare nostrana molto spesso la leggendaria ipotesi che si trattasse di tombe di uomini illustri si colorava di orrore e di mistero, perché si andava alla ricerca della cosiddetta “acchiatura” (da “acchiare” = trovare), un tesoro nascosto tra i cumuli delle specchie, per impossessarsi del quale l’audace aspirante doveva affrontare rischiosi riti satanici.

Secondo questa idea molto suggestiva (infatti è molto accreditata tra gli studiosi), le specchie sarebbero, dunque, testimonianze di riti di popolazioni aborigene, sulle quali si sono innestate altre civiltà, come quella greca e quella messapica Altra ipotesi è che le specchie, dal latino “speculae”, erano posti di avvistamento e di vedetta, situate in modo da avvertire in breve tempo, mediante fumate di giorno e di fuochi durante la notte, i centri abitati, anche più lontani, di sbarchi di gente estranea lungo le coste, o di pericoli imminenti.

Contatti e recapiti

Galleria immagini

Menhir

Menhir

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su